Liquore di mandarino

0

Un’antica ricetta partenopea, una preparazione casalinga per un digestivo vigoroso, di elevato tenore alcolico e profumatissimo, che si presta ottimamente anche come ingrediente per cocktail personali e per affogare gelati. Insomma gustatelo ed offritelo come preferite; si può bere anche ghiacciato. Una cosa è certa: avrete successo!

NOTA: occorrono agrumi “naturali”, che non abbiano subito trattamenti anticrittogamici, o simili, perché si pone in infusione la scorza con l’alcool. Quindi occorre essere sicuri della provenienza dei frutti.

Ingredienti:

Mandarini: 7 (qualcuno in più se sono piccoli).
Alcool puro (per liquori, a 95°): 1 litro.
Zucchero: gr 750.
Acqua: l litro.

Preparazione

Lavare e asciugare bene i mandarini. Sbucciarli e con un coltellino raschiare tutta la parte bianca. In un boccione di vetro da 2 litri introdurre le bucce tagliate a listelli, versarvi l’alcool e chiudere ermeticamente. Lasciare in infusione per cinque giorni.
Quindi mettere a bollire l’acqua, aggiungere lo zucchero, mescolando fino a scioglimento completo. Raffreddato questo sciroppo, unire l’alcool, miscelare per bene ed imbottigliare. Attendere circa un mese prima di bere.

va Cassese

Share.

Comments are closed.