Islanda 2003

0

Fondo 397Per la prima volta 18 camper, 12 fuoristrada e 3 pulmini della stessa nazionalità entrano in Islanda. Naturalmente faremo due itinerari diversi,
tranne un primo tratto comune.
I camper vista la particolarità del paese possono
percorrere solo alcune strade sterrate.

di Giuseppe Buico

Una volta giunti a Bergen arriva il momento di conoscere personalmente i partecipanti al viaggio, di dare un nome alle voci ascoltate solo per telefono, (1 km dopo il molo d’imbarco c’è un camper parking, 120 dkr per 24h).
La mattina ritiro i biglietti presso il botteghino e cominciamo le operazioni di imbarco verso le 11, la nave parte puntuale alla 15.00.
La Norrona (questa nuova nave, varata nel 2003, porta lo stesso nome della precedente) ci accoglie meravigliosamente, le cabine sono confortevoli, i pasti buoni e le due notti passate a bordo trascorrono veloci.

1° giorno – Arriviamo a Seyoisfjördour, piove, c’è nebbia con visibilità fino a 20 m, cominciamo le operazioni di sbarco, peraltro molto veloci, passiamo “indenni” la dogana, e ci incolonniamo per raggiungere il primo paese, Egilsstaoir, dove faremo una breve sosta per cambiare i soldi e fare il pieno di carburante; poi percorrendo la A14 che si snoda lungo la costa est, incontriamo un paesino, che ci da un primo assaggio delle bellezze naturali.
Raggiungiamo in serata Hofn, una cittadina moderna con annesso un porticciolo; l’economia degli abitanti si basa sulla lavorazione del pesce.

2° giorno – Ci svegliamo con una giornata meravigliosa, ideale per far visita alla laguna di JOKULsARLON, dove rimaniamo senza parole nel vedere così da vicino gli Iceberg che si staccano dal ghiacciaio del Vatnajokull e scivolano fino al mare; facciamo anche un’escursione fra i blocchi di ghiaccio a bordo di imbarcazioni anfibie.
Arriviamo in serata al campeggio del parco nazionale dello Skataffell.

Islanda '03 Persone escursione3° giorno – Sempre ai piedi del ghiacciaio intraprendiamo due escursioni, la prima lungo un sentiero che dal campeggio arriva alla cascata di Svartifoss, la seconda che porta fin sul ghiacciaio del Vatnajokull, che suscita in noi sensazioni forti, visto che ci troviamo sul ghiacciaio più grande del mondo!

4° giorno – Lasciamo lo Skataffell e lungo la strada per Selfoss ci fermiamo prima a Dyroley, dove si erge un ammasso roccioso a forma di arco alto più di 100 m, luogo di maggior nidificazione delle anitre; andiamo avanti per qualche km ed ecco alla nostra destra vediamo la cascata di Skodafoss, il bel tempo ci permette di effettuare un’escursione lungo la parete destra fino ad arrivare al “salto”.
Ci fermiamo per la notte nel campeggio di Selfoss.

5° giorno – Partiamo puntuali alle 8.00, il gruppo già affiatato è in marcia per Pingvellir, dove si può osservare in modo molto evidente la frattura tra la zolla europea e quella americana, circondata da vette innevate e dal lago Pingvallatavan (il più grande del paese).
Proseguendo sulla strada si incominciano ad intravedere i fumi di vapore, stiamo per arrivare a Geysir, una sorgente di acqua calda che emette degli spruzzi alti fino a 50 m, uno spettacolo che attira veramente molti turisti. Sempre sulla stessa strada, percorriamo 15 km e siamo alle cascate di Gullfoss, dove sostiamo per la notte.

6° giorno – Ripercorriamo in senso inverso un tratto della 35 e della 36, perché dobbiamo arrivare a Reykjavik, la capitale dove vive la maggior parte degli abitanti. Trovato parcheggio (con una certa difficoltà), visitiamo la città, per altro deludente; ripartiamo dopo pranzo per Blu Lagon, una “piscina” d’acqua calda creata dalla vicina centrale idroelettrica di Svanrsengi, cogliamo l’occasione per fare un bagno ristoratore.

Islanda '03 Museo auto7° giorno – Dopo aver dormito nel parcheggio di Blu Lagon, passando ancora per Reykjavik, percorrendo la Ring Road, facciamo una sosta a Akranes per visitare il bel museo del folclore, un luogo piccolo ma ricco di interessanti cimeli, che raccontano la storia e i costumi dell’Isola.
Più avanti arriviamo nei pressi di Borgarfjordur, il fiordo famoso per gli avvistamenti delle balene.
Superiamo Borganers per arrivare prima a Deildartunguver, la sorgente termale dove l’acqua fuoriesce a circa 100°, e poi alla pozza di Snorry, una vasca circolare, del diametro di 4 m, alimentata dalla sorgente termale di Skifrla; finita la visita torniamo al campeggio di Borganes.

Islanda Faro8° giorno – Percorriamo la 54, alla fattoria Ytri Tunga ci fermiamo perché sulla spiaggia ci sono delle foche in posa, così scattiamo alcune foto; ancora qualche km e siamo ad Arnastapi, uno sperone di roccia popolato da uccelli; c’è anche un porticciolo, qualche barca e dei di pescatori di merluzzo talmente gentili da regalarci del pesce fresco. Arriviamo ad Osfsvic dove ci fermiamo per la notte.

Islanda '03 capanna terra9° giorno – L’intenso programma prevede una sosta a Bjarnarhofn, dove c’è una fattoria specializzata nel preparare la carne di squalo putrefatta!
Ci illustrano come pescano e lavorano la carne di squalo ed infine ci offrono degli assaggi gratuiti… “roba da matti!”.
Risaliamo in camper con un senso di nausea, facciamo sosta al cratere di Gabrok, prima di arrivare a Blouduos ci fermiamo presso la piccola chiesa di Pingeyrar.

Islanda '03 Gruppo Ombrelli10° giorno – abbiamo percorso negli ultimi 2 giorni la parte più selvaggia ed isolata dell’Islanda, ci stiamo avvicinando ad Akureyri, la seconda città più importante dopo la capitale. Ci arriviamo per pranzo e facciamo base al campeggio situato nella zona centrale della città.
A piedi cominciamo il tour, visitiamo il giardino botanico, la cattedrale di Akureyrarkirkja, e le vie del centro, ricche di negozi.
La sera cogliamo l’occasione per cenare tutti insieme in un ristorante tipico.

11° giorno – Direzione Usavik per andare con la barca a vedere le balene, il giro dura circa 3 ore e le balene riusciamo a vederle soltanto da lontano; sempre sulla 85 c’è Aoaldalshraun, un campo lavico con alcune strane grotte e colline cave.

12° giorno – A pochi km ecco Godafoss (cascata degli Dei) e intorno al lago Myvatn i piccoli crateri con l’acqua di Skutustaoir, Dimmuborir (spuntoni di lava di forma singolare), Hverfell il vulcano alto 163 m domina imponente il campo di lava sottostante; con una camminata di 15 minuti siamo in vetta e ammiriamo il paesaggio sottostante.
Grjotagia, una spaccatura con una sorgente d’acqua calda (una volta era possibile fare il bagno), merita un’altra sosta. Arrivati a Reykjahlio ci fermiamo al campeggio per la notte.

Islanda Gaiser13° giorno – Oggi il programma prevede un’escursione ad Hverarond, una zona geotermica 6 km ad est di Reykiahlio, ricca di sorgenti d’acqua bollente, pozze di fango e fumarole; ancora più avanti il Krafla e il cratere Leirhnjùkur, potenzialmente ancora minaccioso, si snoda un sentiero ben definito lungo il quale si possono ammirare montagne di lava di vari colori.
Islanda '03 cavalliPoche centinaia di metri più avanti ecco il cratere di Viti, considerato inattivo, vi sorgono accanto due laghi e sorgenti d’acqua calda; la giornata è ancora lunga, riprendiamo la R.R. e poi usciamo per la 864, qui ci sono le cascate più belle d’Europa: Dettifoss, con i loro 44 m di salto e con i 500 metri cubi al secondo, riescono a formare una nuvola d’acqua visibile anche da lontano. sfruttiamo un’escursione lungo un sentiero che la costeggia per poterla ammirare meglio e scattare delle foto suggestive. con i camper passiamo la notte nei pressi della cascata, in sottofondo il rumore dell’acqua.

Islanda '03 Camper sulla costa14° giorno – Il nostro viaggio sta per finire. Percorriamo la strada panoramica che ci porta ad Egilsstaoir.

Islanda '03 Imbarco15° giorno – Ci dirigiamo verso l’imbarco, la Norrona ci aspetta, con una traversata di 45 ore circa sbarcheremo a Hanstholm (Danimarca).

Share.

Comments are closed.